• Marcantonio Lunardi

Cosa succede quando finalizzi un lavoro?

Una volta giunti al termine del lavoro di creazione del video lo fai vedere a due gruppi distinti.

Il primo è di tuoi pari da cui ricevi dei ritorni informativi di tipo tecnico e dei pareri professionali mentre l’altro gruppo è formato da persone che non hanno un'alta formazione ma sono appassionati di cinema (operai, casalinghe, pensionati) .

Quando tutti i pareri sono positivi nel senso critico del termine allora ti prepari per il master.




Sai bene che devi produrre un master per archiviarlo insieme agli altri master della tua produzione.

Questo serve per conservare il tuo lavoro negli anni.

Poi inizi a predisporre tutti i file necessari per i festival, musei e centri cultura quindi prepari i file di proiezione comprimendoli nella maniera migliore ed esportando i sottotitoli separatamente con un file srt oltre ad esportare il video con i sottotitoli inclusi in un unico file.

Prepari le sinossi che normalmente sono complete, short e short short (100 caratteri)

Importante è preparare 3 immagini del film ad alta risoluzione per la stampa e 3 a bassa risoluzione per il web e un poster.

Infine depositi tutto in una cartella di scambio on line pronta per i curatori da cui i singoli festival e responsabili di mostre scaricheranno le opere e le info necessarie.


Il lavoro finisce qui e puoi ripartire a preparare tutto per un altro progetto in un altro luogo.

Le opere si muoveranno da sole all’interno del variegato mondo delle esposizioni e dei festival di arte


Ma allora perché se il mio lavoro è finito 2 giorni fa continuo a frequentare la chat zoom di endecameron?


Semplicemente perchè è un appuntamento fra amici.

Dopo Covid-19 si sono cancellate tutte le ansie da prestazione, il bisogno di apparire primo uomo o prima donna (dando spazio al mio lato maschile o quello femminile), il bisogno di avere sempre l’ultima parola, la necessità interiore di dire sempre, di parlare sempre, di esserci per essere.

No dopo covid-19 tutto questo stato cancellato


In chat trovo questi nuovi amici che ho conosciuto grazie a Francesca Fini e mi fa piacere ascoltarli anche se il mio microfono è silenziato.


So benissimo che il tempo e la vita ci riporterà nelle contingenze di un quotidiano spesso doloroso spingendoci verso confini diversi e mondi alternativi ma tutto questo non si disperderà come lacrime nella pioggia ma rimarrà tutto come parte di un cuore vivace che fa parte di un’umanità.

Siamo gocce di un grande mare in tempesta… senza queste gocce il mare non esisterebbe

32 visualizzazioni1 commento

ENDECAMERON20 DIGITAL EDITION
© 2020 BY ENDECAMERON TEAM@ENDECAMERON.IT
INFORMATIVA PRIVACY | INFORMATIVA COOKIES

  • Instagram - Grigio Cerchio
  • Facebook - cerchio grigio
  • Twitter - cerchio grigio
  • YouTube - cerchio grigio