CLAUDIA ALIOTTA/FABIO IMBERGAMO| MUSICA | 

CLAUDIA ALIOTTA ha iniziato il suo percorso musicale in ambito classico a Messina, sua città natale, conseguendo il Diploma in Pianoforte e il Diploma in Didattica della Musica e completando la propria formazione con  la Laurea in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo presso l’Università agli Studi di Bologna Parallelamente a questi studi ha fatto le sue prime esperienze con il canto all’interno del Coro del Conservatorio “A. Corelli”,  il Coro da Camera della Filarmonica Laudamo di Messina e il Coro Lirico “Pro Arte”.

Parallelamente all’attività musicale ha partecipato a laboratori teatrali e svolto attività di docente di Animazione Musicale presso il Teatro Libero di Messina, componendo per lo stesso musiche di scena per alcuni spettacoli. Ha svolto inoltre attività di critico musicale e cinematografico prima per il quotidiano “La Sicilia” e successivamente per il settimanale “109” ed il “Corriere del Mezzogiorno”. Come solista, dopo un periodo dedicato al pop e alla musica celtica,  è approdata al jazz indirizzando la propria attenzione verso il repertorio anni Trenta e Quaranta.

Nel 2014 ha conseguito brillantemente la Laurea di I Livello in Canto Jazz presso il Conservatorio “F. Morlacchi” di Perugia, completando gli studi nel 2017 con la Laurea di II Livello sotto la guida di Marta Raviglia.  Sempre sotto la guida della Raviglia ha partecipato a Flash-Mob a Perugia e Spoleto e al Workshop “Voce che danza, corpo che canta”. Ha seguito come allieva la seconda edizione del Seminario di Formazione Vocale “Voice Week” presso il Conservatorio “Morlacchi” di Perugia partecipando attivamente a laboratori e lezioni con Maria Pia de Vito, Enrico Zuddas, Matteo Belli, Roberta Mazzocchi, Roberto Laneri e Franco Fussi.

 

Con l’Orchestra Laboratorio Jazz del Conservatorio di Perugia diretta da Mario Raja ha partecipato alle edizioni 2012 e 2013 del Festival dei Due Mondi di Spoleto e sempre all’interno di questa manifestazione si è esibita in quintetto vocale nel 2014 per il concerto “Il divertimento della voce: Musica leggera e jazz in polifonia”. Sia come solista, che con altre formazioni, si è esibita anche alla Galleria Nazionale dell’Umbria per la “Notte dei Musei” e al Teatro O.N.A.O.S.I. di Perugia. Ha seguito seminari e masterclass con Maria Pia De Vito, Stjepko Gut, Massimo Morganti, Massimo Manzi (Musica di insieme), John Arnold, Francesco Martinelli,  Franco Cerri, Enrico Intra, Patrizio Fariselli, Gabriele Mirabassi e Alessandro Giachero.

 

Cura il progetto musicale “Irene Higginbotham: Il volto nascosto del Jazz” divulgando il repertorio musicale della songwriter americana attraverso mostre e concerti; di recente ha realizzato la prima puntata del documentario che porta il titolo del suo progetto musicale e sta lavorando anche alla pubblicazione di una monografia su questa compositrice. In duo con il pianista Manuel Magrini ha partecipato al Multiverso Festival di Spoleto e al Festival Tolentino Jazz, mentre con il suo trio è stata ospite allo Spazio Kossuth nell’ambito della Rassegna “Magica è la Pieve” e ad Assisi per La giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne. Nel 2019 ha debuttato con un nuovo  progetto  dal titolo “Mingus’ Vocal Suite”.

Oltre al jazz, i suoi interessi nel campo vocale spaziano dalla musica rinascimentale e barocca al repertorio medievale e celtico.

Il 21 giugno per la Festa Nazionale della Musica debutterà presso lo Spazio Kossuth di Città della Pieve con il nuovo progetto “Voce e Arpa – dal medioevo al pop” con l’arpista Rachele Spingola.

 

Per la Dot Radio di Spello ha curato un ciclo di trasmissioni radiofoniche dal titolo “Jazz Ladies”,  come autrice dei testi e speaker, programma di storia del jazz al femminile dagli anni 20 agli anni 50.

Dal 2017 cura l’Ufficio Stampa dell’Associazione Tolentino Jazz, promuovendo e presentando concerti, festival e la stagione jazz presso il Politeama di Tolentino (MC).

Si dedica anche alla composizione sia per pianoforte che per altri organici. Ha insegnato pianoforte presso i Licei Musicali “Mariotti” di Perugia e “Angeloni” di Terni e Storia della Musica presso il Liceo Musicale “I. Calvino”di Città della Pieve.

Nel 2019 ha curato la programmazione della rassegna “Jazz on Stage” di Deruta.

FABIO IMBERGAMO  consegue il Diploma in Violino nel 1988 presso il Conservatorio Statale di Musica “F. Morlacchi” di            Perugia e nel 2002, sempre presso lo stesso Conservatorio,         porta a compimento gli studi in Musica Elettronica sotto la guida di  Luigi Ceccarelli.

  • A partire dal 1997, oltre ad essere attivo come violinista e compositore, si è dedicato in modo costante anche alla Musica Elettronica, svolgendo inoltre attività di sound engineering.

  • Nel 2003 frequenta i Corsi di “Sound Design e Regia del Suono nello Spettacolo dal Vivo” con  Hubert Westkemper, presso lo “Studio AGON - Acustica Informatica Musica” di Milano.

  • Nel 2001 partecipa ad  “Umbria Jazz” in qualità di fonico di registrazione per i  “Concerti Web-Stage” presso la Loggia dei Lanari a Perugia.

  • Nel 2002 si classifica finalista al XXIV Concorso Internazionale di Musica Elettroacustica “Luigi Russolo” con un brano per nastro magnetico. In giuria Michele Biasutti, Philippe Blanchard, Jurai Duris, Carlo Ferrario, Giuseppe di Giugno e Rossana Maggia.

  • Numerose le esecuzioni pubbliche dei suoi brani di musica elettroacustica fra cui spiccano i concerti  eseguiti per l’Istituto Gramma-Associazione di Informatica Musicale Italiana (l’Aquila-Italia); il Conservatorio Statale di Musica di Perugia – Cattedra di Didattica della Musica con Tecnologie Informatiche (Perugia-Italia); la Organisation de Musiques & Recherches et Università de Lille3 (Bruxelles–Belgio), il Planetario I. Danti” di Perugia con l’Associazione Astronomica Umbra (Perugia-Italia).

  • Dal 2000 al 2003, in qualità di tecnico audio-video dell’Associazione Multimedia di Perugia, ha eseguito i lavori di digitalizzazione e gestione dei supporti audio presenti nella Fonoteca Regionale “O. Trotta” di Perugia.

  • Ha inoltre realizzato il recupero storico e il restauro del suono di importanti documenti sonori quali la prima esecuzione delle Laudes Evangelii (1952) del celebre compositore Valentino Bucchi.

  • In occasione del centenario della morte di Giuseppe Verdi ha realizzato il restauro di famose arie d’opera nell’esecuzione storica di importanti cantanti lirici umbri quali Ruggero Raimondi, Rina Corsi, Antonietta Stella e Giorgio Algorta.

  • Nel 2002 ha curato la digitalizzazione degli 8.500 dischi in vinile presenti nell’archivio storico della Cittadella Multimediale – Pro Civitate Christiana di Assisi.

  • Nel 2003 ha effettuato la digitalizzazione per fini conservativi dei nastri magnetici presenti nell’archivio storico della Fondazione Teatro Stabile “A. Belli” di Spoleto.

  • Dal 2003 al 2004 ha tenuto, in qualità di esperto esterno, laboratori di “Audio-Video-Informatica” presso l’Istituto Magistrale Statale “Assunta Pieralli” di Perugia e presso l’ITAS “Giordano Bruno” di Perugia, con la produzione di due DVD-Video patrocinati dal Comune di Perugia.

  • Nel 2004 ha tenuto lezioni di “Digitalizzazione dei supporti audio-visivi” all’interno del “Master in Scienze dei Beni Musicali” presso l’Università agli Studi di Perugia – Facoltà di Lettere e Filosofia – Indirizzo Musicologico.

  • Dal 2004 al 2008 opera in “Eumusica Studio” (Studio di Informatica Musicale e Studio-Mobile di Registrazione) in qualità di titolare e tecnico del suono, realizzando registrazioni di concerti e CD per numerosi musicisti italiani e Associazioni Musicali: Associazione “Amici della Musica” di Perugia; Associazione Musicale “G. Frescobaldi” di Perugia; Associazione Corale “Cantori di Perugia”; Associazione Corale “Felciniana” di Perugia, ASSIDA Onlus di Città di Castello, Centro d’Arte Contemporanea “Torre Strozzi” di Perugia, ecc.

  • Numerosi i compositori per cui ha effettuato registrazioni e CD di composizioni originali, alcune anche in prima esecuzione assoluta, fra cui Fernando Sulpizi, Mario Perrucci, Martin Palmeri, Ariel Pirotti, Claudio Casadei, Angelo Bruzzese, Giuseppe Bruni, Marco Gatti, Marco Colabucci, Antonio Rossi, Stefano Cavallerin.

  • Attivo anche nell’ambito delle colonne sonore, ha composto, registrato ed editato musiche di documentari e cortometraggi per “La Teca” - Istituto per lo Sviluppo Armonico (Roma e Barcellona) e “Morpheus - Associazione Culturale” (Trento-Italia).

  • Dal 2008 in poi si è dedicato a progetti artistici personali, con particolare attenzione agli aspetti creativi della Musica Elettronica e curando produzioni a cui ha partecipato come violinista e live-electronics.

  • In particolare nel 2008 ha realizzato “Musica dall’Infinito”, spettacolo di musica-video-recitazione recensito dalla prestigiosa rivista scientifica Planetarian che lo ha definito come esempio di performance in cui «la musica eseguita dal vivo, le immagini e la recitazione trasportano lo spettatore in una dimensione fatta di spazio, suoni e corpi celesti».

  • Nel 2016, con la pittrice perugina Fabiola Mengoni, ha realizzato “Forza Quieta”, progetto di pittura e musica in cui immagini, elettronica e performance dal vivo, eseguito in tutto il centro Italia e pubblicato in un DVD-Video.

  • Nel 2018, sempre con la pittrice Fabiola Mengoni, ha realizzato “Logos Angeli”, performance di pittura e musica che vede l’esecuzione dal vivo di musiche al violino e live-electronics. La performance è stata eseguita a Perugia, Chiesa di Sant’agata per il Capitolo della cattedrale di San Lorenzo; a Roma, presso la galleria d’arte contemporanea “Art G.A.P.” e a Cascia presso la nota Basilica di Santa Rita.

  • Dal 2014 al 2016 è stato docente di Tecnologie Musicali presso il Liceo Musicale Statale “A. Stradivari” di Cremona.

  • Dal 2018 al 2020 ha insegnato la  stessa disciplina presso il Liceo Musicale  “I. Calvino” di Città della Pieve e presso il Liceo Musicale “A. Mariotti” di Perugia.

  • Negli ultimi anni nell’ambito della musica elettroacustica ha prodotto brani che legati a tematiche sociali, ambientali, culturali e filosofiche, fra questi “Amazzonia S.O.S.” e la recentissima suite “Inferno”, “Purgatorio”, “Paradiso”, ispirata alla “Divina Commedia” di Dante.

pianta_transp.png
COLLEGAMENTI
Claudia Aliotta | Fabio Imbergamo |